Ars dal Scugnî – 2

documentari

Ars dal Scugnî – seconda puntata

Ars dal scugnî – seconde pontade

di Sara Švagelj ed Ettore Spezza

Te nestre regjon a son ce tantis ecelencis artesanâls in graciis ancje di une tradizion che e tache in epoche moderne e si rinfuarcìs plui di dut tra il ‘800 e il ‘900, no cate lis ce tantis scjassadis che tal timp a àn segnade la nestre storie. La percentuâl dai imprenditôrs zovins no je tant alte rispiet al rest de Italie, ma e je une vore atente aes tematichis dai prodots sostignibii e autentics. Cussì al è tacât un percors viers une maniere gnove di fâ che al torne a fâ buine la filosofie di fonde dal Friûl, chê di fâ par durâ tal timp, cun cure, semplicitât e soliditât. O cjatìn trê tipologjiis di artesanât che a fondin lis lôr lidrîs tes arts e tai mistîrs che a son in regjon di tancj secui incà: la tiessidure, la art dal oresin e la lavorazion dal corean e de piel. Propit la tiessidure e à in regjon un nomenât fondadôr: Jacop Linussio. Lui al è stât il plui grant imprenditôr de Cjargne, rivant a vê te prime metât dal ‘700 plui di trê mil dipendents che a filavin tiessûts espuartâts dopo a Napoli, Cadice e tes Americhis. La art dal oresin e à lidrîs une vore lontanis e tal nestri teritori e à lassât olmis une vore preziosis. In graciis de grandonone colezion langobarde dal Museu Archeologjic Nazionâl di Cividât o vin la fortune, dopo ce tancj secui, di vêlis sot dai voi ancjemò tal lôr sflandôr. O scuvierzìn lis manieris plui tradizionâls e plui gnovis par fâ borsis e scarpis, dal piçul laboratori di cjase a chel plui organizât, dulà che e je stade fate sù di tancj agns une linie cun materiâi riciclâts.

___________________________________________________________

Ars dal scugnî – seconda puntata

di Sara Švagelj ed Ettore Spezza

Molte sono le eccellenze artigiane della nostra regione grazie anche a una tradizione che inizia in epoca moderna e si consolida nonostante gli innumerevoli scossoni che storicamente hanno caratterizzato la nostra storia soprattutto tra ‘800 e ‘900. La percentuale dell’imprenditoria giovanile non è molto alta rispetto al resto d’Italia ma è molto attenta alle tematiche della sostenibilità e dell’autenticità del prodotto segnando un percorso verso un modo di creare che in maniera innovativa ritorni alla filosofia fondante del Friuli, quel costruire per durare con cura, semplicità e solidità. Incontriamo tre tipologie di artigianato che affondano le proprie radici nelle arti e mestieri presenti in regione da molti secoli: la tessitura, l’arte orafa e la lavorazione del cuoio e della pelle. La tessitura in particolare ha un illustre capostipite in regione: Jacopo Linussio. Egli fu il più grande imprenditore della Carnia, arrivando ad avere nella prima metà del ‘700 oltre tremila dipendenti che filavano tessuti che venivano esportati a Napoli, Cadice e nelle Americhe. L’arte orafa ha radici lontanissime e sul nostro territorio ha lasciato testimonianze ricchissime. Grazie all’imponente collezione longobarda del Museo Archeologico Nazionale di Cividale abbiamo la fortuna, dopo così tanti secoli, di vederle ancora splendere sotto i nostri occhi. Scopriamo i metodi tradizionali e quelli più innovativi per la fattura di borse e scarpe, dal piccolo laboratorio casalingo a uno più strutturato dove da molti anni è stata creata una linea con materiali riciclati.

Tutti i diritti di messa in onda tv sono esclusivi di Rai − Radiotelevisione italiana

ALTRE VIDEO PRODUZIONI